1/52/53/54/55/5 (1 voti, media: 5,00 su 5)

Gli esperti non amano la fotocamera dell’iPhone X: ecco perché

Categorie: Apple | Massimo Carlone | 10-11-2017 | 0 Commento

L’iPhone X è uscito da pochi giorni, ma non tutti sono contenti di quel che offre. Si tratta d’un meraviglioso cellulare offerto dall’Apple, ma per quel che riguarda lo sblocco tramite il riconoscimento facciale c’è ancora qualcosa da dire…

Un sistema veramente efficace o fasullo? Pareri contrastanti

Come funziona esattamente tutto questo famoso sistema dell’iPhone X, che gli permette di riconoscere il nostro volto? E’ un sistemino piuttosto elaborato, se ci pensiamo bene: vengono proiettati circa 30,000 raggi infrarossi sul nostro volto. Ovviamente noi non possiamo vedere chiaramente questi raggi, ma il nostro iPhone X può notarlo chiaramente. Questi raggi permettono all’iPhone di riconoscere i lineamenti del nostro volto, sbloccandosi o rimanendo attivo nel caso lo stiamo guardando. E per chi vuole proprio rimanere alla moda, può anche funzionare egregiamente per attivar egli Animoji.

Non tutti sono particolarmente soddisfatti di questa funzione. E’ avveniristica e probabilmente detterà le regole di varie funzioni in futuro, cosa che dovranno imitare gli avversari per riuscirci bene. In buona norma, non guasta sfruttarla quando l’abbiamo nel nostro cellulare. Ma alcuni esperti, anche particolarmente influenti, sono sul piede di guerra: considerano questa funzione invece inutile, e probabilmente indotta a vari problemi visto che il nostro volto può subire dei cambiamenti nel tempo – per eventi traumatici o di vita. Il Face ID, specialmente connesso a questo sistema di profondità tridimensionale, è qualcosa di veramente raffinato… ma tuttavia, come almeno dicono alcuni, può essere ancora troppo sensibile.

iPhone X fotocamera critica

Almeno non è problematica come l’Iris Scanner della Samsung, con il quale è stato facile trovare qualche modo per saltare le protezioni del cellulare. Con il Face ID proposto nell’iPhone X, questo non è possibile, poiché si tratta d’una scansione tridimensionale nel quale buona parte dei 30.000 raggi devono coincidere con il volto memorizzato nello Smartphone. Ma in fondo, per ogni legge vi è sempre un bell’inganno: staremo a vedere se qualcuno troverà un trucco.

Lascia un Commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>