1/52/53/54/55/5 (1 voti, media: 5,00 su 5)

Due nuove Apps con Malware nello Store Google Play. Non scaricatele!

Categorie: Google | Massimo Carlone | 29-08-2017 | 0 Commento

E siamo di nuovo all’inizio d’un altro problema con il Play Store di Google: un paio di Apps che contengono un malware molto pericoloso stanno scalando artificialmente le classifiche e, come conseguenza, altri utenti le stanno scaricando. Google sta ancora lavorando per la rimozione di tali Apps.

Arrivano in campo due nuove infezioni, uno si chiama Bankbot

Sembra che gli utenti di Android non conosceranno pace tanto presto… ma in fondo, si tratta sempre di non installare programmi e giochi che non sono ben conosciuti o hanno dubbie origini. Nel caso di “Guadagna vere carte Regalo” (Earn real money gift cards)  e “Bubble Shooter Wild Life” si può anche dire che avere l’impulso di scaricare tali programmi è difficile. Eppure, c’è sempre chi ci casca. E’ per questo che bisogna dire che queste due particolari apps, rilasciate da poco nel Play Store, sono infette da due particolari Malware. Uno di loro si chiama Bankbot.

Android nuovi malware

Naturalmente sono Apps dedite a danneggiare l’utente e a carpirne quanti più dati possibili, ma il modo in cui funzionano è piuttosto curioso. Si parla d’un virus che cerca di scaricare anche infezioni al suo interno, ma lo fa usando l’accessibilità di Android per funzionare. Una volta presa proprietà di tale accesso, inizia a scaricare ed installare programmi senza il consenso dell’utente. Riesce a fare ciò anche con vari metodi d’offuscamento del Software – un metodo al giorno d’oggi molto popolare per poter utilizzare programmi pirata o all’interno di cellulari con Root. Infatti il SafetyNet di Google ha aggiunto una protezione simile, che impedisce l’avvio di programmi illegali o all’interno di cellulari rootati.

Come se non bastasse, l’infezione è anche intelligente: è capace d’aggiornarsi una volta che ha infettato il sistema, aggiungendo nuove funzioni.

Il Play Store continua ad essere un campo che cerca d’essere protetto ma presenta ancora qualche buco, che può essere sfruttato da chi è abbastanza furbo. Ricordate sempre le regole fondamentali per evitare d’essere infettati!

Lascia un Commento

XHTML: È possibile utilizzare questi tag: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>